IUC 2019 - IMU TASI E TARI


Ricerca Prodotto

Fabbricati e aree edificabili
Terreni e fabbricati rurali
Aliquote, detrazioni ed altre agevolazioni
Esempi di calcolo e versamento
Dichiarazioni IMU-TASI “ordinaria” e specifica per enti non commerciali
IMIS per la Provincia di Trento e IMI per la Provincia di Bolzano
Accertamento, sanzioni e ravvedimento operoso


Prodotto aggiunto in data: 11/06/2019

La disciplina delle imposte che costituiscono l’Imposta Unica Comunale (IUC), istituita con la Legge n. 147/2013, nel corso degli anni ha subito importanti modifiche; tra queste, si ricordano l’abolizione dell’IMU e della TASI sulla prima casa (immobili non di lusso), l’esenzione IMU sui terreni agricoli, la revisione della disciplina dei cosiddetti imbullonati, nonché l’agevolazione per i fabbricati concessi in comodato a parenti in linea retta. A tal riguardo si segnala l’estensione dell’agevolazione, ad opera della Legge di Bilancio 2019, anche nell'ipotesi del coniuge del comodatario defunto, in presenza di figli minori.

Il testo affronta le novità ed i chiarimenti ministeriali intervenuti nel corso dell’anno, riepilogando la disciplina generale della IUC, costituita da una componente di natura patrimoniale (IMU) e da una componente legata ai servizi erogati dai Comuni che a sua volta si suddivide ulteriormente in:

TASI, tassa sui servizi indivisibili;
TARI, tassa sui rifiuti.
In linea generale per tutti i tributi sopra riportati, il presupposto impositivo è determinato dal possesso/detenzione di immobili, seppur con differenze applicative legate alla singola imposta/tributo.

Nella prima parte (la più corposa) il testo propone una trattazione completa della disciplina IMU; tra l’altro, sono analizzati gli adempimenti dichiarativi con particolare riguardo alla dichiarazione IMU-TASI “ordinaria” ed alla dichiarazione IMU-TASI per gli enti non commerciali. 

Vengono inoltre offerti numerosi esempi di calcolo e versamento dell’imposta.

La parte successiva del testo è dedicata alla Tassa sui servizi indivisibili (TASI) che pur essendo modulata su criteri IMU, si discosta da questa per il fatto che l’imposta è dovuta anche dal detentore oltreché dal possessore, secondo una percentuale stabilita dal comune (ovvero da una percentuale “fissa” qualora il comune non abbia deliberato al riguardo). Più brevemente, è commentata anche la TARI (tassa sui rifiuti) che per le sue particolarità è gestita direttamente dall'affidatario del servizio raccolta rifiuti.

 

Completa infine la trattazione l’analisi della disciplina IMI e IMIS per le province, rispettivamente di Bolzano e Trento.



SEDI E RECAPITI

Via Torrione, 125
84127 Salerno
089 - 796351
089 - 796351
#NO_MODAL_ERROR_TXT#